La bambina e il piccolo fiore.

Era un piccolo bocciolo di fiore. Non si decideva a sbocciare. Sembrava timido, pauroso quasi. Aveva bisogno di qualcuno che lo curasse, lo innaffiasse con amore. Ma era in mezzo a un prato pieno di fiori meravigliosi, nessuno si sarebbe accorto di lui. Il fiorellino era sempre più curvo su se stesso e triste. Gli altri lo prendevano in giro per la sua gobba e per il fatto che fosse davvero spelacchiato. Un giorno, una bambina correva sul prato, accarezzando ogni fiore e strappandone qualcuno di quelli più colorati e profumati. Si imbattè, saltellando, su questo fiorellino triste e un pò solitario. Gli sorrise dolcemente e gli diede una carezza. Pensò che dovesse avere bisogno di acqua. Tornò dalla mamma e le raccontò di questo fiore. Lo aveva ribattezzato proprio  tristerello. “Dobbiamo aiutarlo mamma, è così fragile”. Disse la bimba col suo sorriso più bello. La mamma si intenerì e le diede una bella brocca d’acqua. Lo avrebbe fatto ogni giorno, fino a che il fiore avrebbe ripreso a vivere e profumare. Quel fiore non si chiamò più tristerello ma Gioia, perchè regalava sorrisi a chiunque lo accarezzasse, anche solo per caso,ì. Si sentiva di nuovo pieno di vita ed era vita che voleva trasmettere. La bimba tornò ogni giorno da lui. E la gioia di quel piccolo, una volta triste fiorellino, divenne la sua che lo aveva curato con amore incondizionato.  

Annunci

Conoscenza di sè

La conoscenza interiore richiede forza, pazienza, richiede impegno. Tanto impegno. Occorre dare tempo e spazio a se stessi. Ai propri sentimenti ed emozioni. Quelli che nemmeno noi sappiamo di avere, quelle che non riusciamo a esprimere. Sono giorni duri, ma mi sto scoprendo, sto rivelando parti di me che tendevo a tenere nascoste, perchè mi facevano paura. Ma non bisogna avere paura di quello che siamo davvero. Perchè siamo molto più belli di quello che crediamo.