Primavera

Primavera. Tempo di rinascita, di sole, di calore. Tempo di emozioni nuove e rinnovate. Come gli alberi fioriti anche l’anima profuma di buono. Le lenzuola bianche che sventolano al sole sanno di pulito, mi piacerebbe acarezzarle per sentirne la delicatezza sul palmo della mano. Oppure toccare con un dito quei piccoli fiori di campo tanto colorati che rendono i cigli delle strade degli splendidi tappeti colorati. La stagione dell’amore, la primavera. La stagione degli amori. Vecchi e nuovi. Vissuti o solamente sognati. Sono così tanti i tipi di amore. Come i fiori. Viviamo fino in fondo questa stagione. Come le emozioni.

La strada della vita

Quella strada non le era sconosciuta. Le sembrava di averla percorsa altre volte. Nei suoi sogni forse? Ricordava quegli alberi, quelle piccole curve, ricordava la brecciolina che le impediva di avere un’andatura tranquilla. Quella era la sua strada. Quella che si era promessa di percorrere, con le sue gambe, una volta guarita. 

Si perchè il suo sogno, semplice eppure per lei complicatissimo, era quello di fare quella passeggiata, da sola, con le sue gambe, finalmente tranquilla, a dispetto dell’ansia che le impediva di vivere.

Per questo sogno aveva ricominciato a lottare. Con parole e incontri che per lei non erano semplici perchè, per la prima volta, si trovava a combatterlo davvero quel dolore, a sguazzarci dentro, fino in fondo. Incontri che, ogni volta, facevano emergere sensazioni, emozioni difficili da ricordare, da rivivere. Eppure il suo compito, la sua meta, doveva essere quella. La guarigione dell’anima. Solo così avrebbe di nuovo guardato in faccia la vita. Con coraggio. Senza più alcuna paura.