La strada verso casa

La strada Verso casa Fabio Volo (recensione) 

Due fratelli, Marco e Andrea, sono i protagonisti dell’ultimo romanzo di Fabio Volo. Due fratelli apparentemente molto diversi, per comportamenti e scelte, ma che si ritrovano più simili di quanto sospettassero quando si trovano di fronte alla malattia del padre. Le loro vite già segnate dalla morte prematura della madre, avvenuta molti anni prima, si ritrovano nuovamente sconvolte. Dovranno confrontarsi con i loro stati d’animo, le loro scelte, si troveranno vicini come mai prima. Andrea, che da fratello maggiore aveva portato tutto il peso della situazione precedente, si sente ora come soffocato dalla sua vita, come se le sue scelte fossero state determinate unicamente dal mondo intorno a lui e non da quello che voleva davvero. Marco, invece, ha deciso di non scegliere. Di vivere la vita come fosse un’eterna ricreazione, non si è mai preso nessuna responsabilità. Fino a che non si accorge che l’amore per Isabella viene prima della paura di scegliere una sola vita, invece di viverne tante. Un libro intenso in cui ogni personaggio ha una storia, una sua importanza. Un libro che affronta temi delicati, la morte, la malattia, facendoci entrare nelle pieghe dell’animo umano. Un libro da leggere senza pregiudizi, per apprezzarne il contenuto!

 

PS: poi dedicherò un articolo al fenomeno Volo

Quando i sogni diventano realtà

Vedo in giro tante persone insoddisfatte. O meglio. Non realizzate. In primis inizio da me stessa. I miei sogni non so se li ho realizzati tutti. Certamente i più importanti ancora no. Lavoro ma non so se questo sarebbe stato il lavoro dei miei sogni. Ho l’amore ma lo vivo ancora a distanza, vorrei accorciare questi kilometri solo con lo schiocco delle dita. Ma non tutto è così semplice. La vita è fatta di scelte, di situazioni intorno a noi che spesso decidono per noi. Allora cosa si può fare? Capire cosa ci rende felici. Cosa ci fa star bene. E scegliere di conseguenza. E vivere finalmente la nostra vita.